ocean1.jpgocean2.jpgocean3.jpgocean4.jpg

A TU PER TU - Rubrica della LNI

nuova rubrica per tutti soci LNI sez. di Pisa...
 
 
          >>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>                                         <<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<
                                                 A TU PER TU   EDITORIALE
Cari soci,
con questa prima pagina intendiamo inaugurare una nuova rubrica  “A TU PER TU “ che vuole avere due scopi :
Il primo è quello di permettere a tutti i soci di partecipare maggiormente all’attività ed alla vita della sezione  esprimendo i propri pareri, dare i propri giudizi indicare e proporre soluzioni ai problemi che ciascuno di noi possa individuare  , suggerire  iniziative ed altro, ovviamente  nel rispetto dei fini istituzionali del nostro sodalizio.
Il secondo per vedere se riusciamo a estirpare chiacchiericci di pontile che tanto fanno male al nostro sodalizio.
Chissà perché mai ci sono soci per i quali ogni occasione è buona per criticare : tutto e tutti sono accusati di non fare  o fare questa o quest’altra cosa.
Può darsi anche che in qualche caso abbiano ragione ma perché affidarsi alla sola critica di pontile ? non sarebbe meglio affrontare a viso aperto il problema ed eventualmente non solo fare critiche ma proporre soluzioni ?
Si è sparlato per giorni e giorni su tre telecamere installate sul tetto degli uffici accusando la dirigenza di “ sperperare il denaro dei soci in giochini invece di risolvere  problemi molto più importanti “ (senza tra l’altro indicare quali siano questi problemi ) quando bastava chiedere e gli sarebbe stato risposto che le telecamere erano state installate dall’ente parco e servono per il controllo degli incendi boschivi e che noi avevamo solo offerto la postazione .
Oppure si spettegola quale provvedimento prenderà la Presidenza Nazionale sulla “denuncia “di quel socio che ha scritto a Roma (senza neppure avere il coraggio di inviare la lettera almeno per conoscenza  al Presidente di sezione )  lamentandosi che il Presidente Meucci , l’ultimo giorno dell’anno , si è rifiutato di andare a togliere  l’allarme alla sede alle  21  stravolgendogli “ il programma di una serata così particolare come il fine anno,  e che mi metteva in difficoltà con la famiglia! “
Per la cronaca la Presidenza Nazionale ha definito irricevibile quella lettera e rispedita al mittente
Mi viene il sospetto che si preferisca agire in questo modo per fomentare il malcontento ed impedire una corretta e serena gestione del circolo e dal sospetto passo alla  certezza che non siano critiche ma pettegolezzi di pettegoli .
Ma permettetemi di fare una critica anche a coloro che stanno ad ascoltare  e non vale alzata di spalle e dicendo  “ ma lascialo dire tanto tutti  conosciamo  le balle che racconta “.
Ricordiamoci  che se non ci fosse  l’ascoltatore non ci sarebbe neppure  il pettegolo
    Il Presidente         Enzo Meucci
                        
Stefano Genovesi  ha inviato :
"Gentilissima Presidenza Lega Navale sez. Pisa
OGGETTO: Nuova  rubrica "a tu per tu"
Premesso che apprendo con piacere l'avvio di questa nuova iniziativa atta ad avvicinare e rendere partecipi e collaborativi i soci, rispetto ai problemi ed alle potenziali soluzioni.

Tutto ciò premesso, mi preme sottolineare che le mie perplessità circa la gestione degli allarmi della Lega Navale già in più  occasioni sono state evidenziate al Presidente Meucci , e che non credo possano essere considerati chiacchiericci, visto  e ripeto, che il problema e' stato evidenziato con il diretto responsabile della sezione.
Chi mi conosce bene, gentilissimo Presidente , conosce la mia schiettezza !

Se forse, il rapporto con i soci non fosse solo un dictat, si potrebbe con più partecipazione essere coinvolti .Spero quindi che questa nuova iniziativa risulti migliorativa a tal fine.

Anche le minacce di sanzioni e provvedimenti disciplinari non fanno bene ai soci ed alla loro aggregazione!

Per quanto riguarda la risposta della Presidenza Nazionale :

Meno male per qualcuno, che risulta irricevibile, solo per formalità regolamentare!
Se si fosse entrati nel merito con obbiettivita' non so quali considerazioni sarebbero potute scaturire.

Quindi anche se qualcuno si gongola per il rinvio al mittente della mia email, il problema gestione allarme, a parer mio rimane.

Prego quindi la Presidenza di questa sezione ed il consiglio ,di valutare se apportare dei correttivi alla gestione allarme,  al fine di consentire in casi particolari, emergenze o necessita varie, di poter accedere alla base nautica, senza incorrere in provvedimenti disciplinari ed addirittura espulsioni, minacce e addebiti.

Nel 2013 gli allarmi si gestiscono in tutto il mondo con una telefonata, un fax od un email, non credo che questo non sia possibile alla Lega Navale di Marina di Pisa."
                                         Stefano  Genovesi
               °°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°                                      °°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
      Il Presidente  risponde
Caro Genovesi
Intanto permettimi di dubitare sulla tua schiettezza : il fatto di inviare una lettera di protesta alla Presidenza nazionale quasi di nascosto senza neppure avere  la “ SCHIETTEZZA” di inviarla ,almeno per conoscenza ,
all’interessato la dice lunga sul tuo concetto di “SCHIETTEZZA”
Ed altrettanto sono fuori luogo le tue allusioni di bassa lega  “meno male  per qualcuno ,che risulta irricevibile..” Per il rispetto e per  l’amicizia che mi legano alla P.N. e perché non ho l’abitudine di riferire colloqui personali , non posso riferirti i giudizi espressi sul contenuto della lettera ma sono facilmente immaginabili
E poi  non occorre andare a Roma per sentire quali sono  le opinioni , anche di radio pontile , sul contenuto della tua lettera  decurtata delle  “tue verità “:
Comunque tu hai tutte le possibilità ,nel rispetto del regolamento , di portare la tua lettera agli organi competenti  i quali  potranno esprimere un giudizio di  chi ha rispettato o meno il regolamento .
Per quanto riguarda il “   dictat “ esiste solo per quei soci che,  dopo avere loro spiegato i regolamenti ed i motivi che ci hanno fatto prendere determinate decisioni, insistono a  fare come vogliono infischiandosene di tutto e di tutti.
Anche nel caso del  posto a terra, pur spiegandoti che prima di te  altri  avevano  maturato il diritto e tu avresti potuto alare la  tua barca , se ci fosse stato ancora posto ,solo dopo che le loro imbarcazioni fossero venute a terra,hai fatto di tutto dicendo anche  mezze verità per vedere se qualcuno ti alava la barca  mettendo gli altri davanti al fatto compiuto..
Anche per quanto riguarda gli orari essi  sono stabiliti dal consiglio direttivo dopo attenta ed accurata valutazione . Cosa pensi che nel tempo non ci siano state esigenze ben più serie della tua, pur legittima, di volere, trascorrere l’ultimo dell’anno in barca ? ma se abbiamo assunto questo orientamento è stato con  l’unico e solo scopo di tutelare i beni della lega e quello dei soci   e nel rispetto di quanto stabilito nel rapporto con l’istituto di vigilanza.  Questa presidenza e la dirigenza non si sono mai tirati indietro nei confronti di situazione di emergenza ed i soci lo sanno bene perché hanno visto la presenza del sottoscritto e/o di altri componenti del direttivo a mettere in sicurezza le barche la tua compresa, mentre alle telefonate di sollecito ad essere presente durante le piene QUALCUNO SI RENDEVA  LATITANTE
Ma è certo che non può essere il passare l’ultimo dell’anno in barca una emergenza
Ti ho proposto di farti carico del compenso che in altre occasioni ha richiesto la società di vigilanza per interventi al di fuori delle effrazioni  ma tu non hai accettato  ed allora :cosa volevi ? che lasciassi disinserito l’allarme per il tempo  a te necessario per festeggiare ed uscire in barca lasciando così la sede senza protezione  alcuna mettendo a rischio i beni della lega e quelli dei soci ?  Forse non sarebbe successo nulla ma se fosse accaduto qualche cosa ?????
E non bariamo su presunte minacce sai bene che non è vero.
Vero invece  è  che di fronte alla tua  minaccia di entrare comunque nella sede allarme o non allarme ti ho detto che eri libero di fare come ritenevi opportuno e che ciascuno di noi si sarebbe assunto le proprie responsabilità :
Se questa è una minaccia  allora si l’ho fatta !!
     Il Presidente Enzo Meucci
----------------------------------------                  ...........................................                 ------------------------------------------
      Il socio Carbone ha inviato
      In riferimento alla comunicazione che ci hai inviato, desidero rallegrarmi dell'iniziativa volta ad ampliare il numero degli Esperti Velisti e degli Istruttori di vela costiera, e mi permetto di dare alcuni consigli, per evitare di incorrere in quelli, che a mio parere, sono stati errori nella conduzione del precedente esame di Istruttore di Vela Costiera.  
                     Giusto per parlare in modo chiaro, più persone, la scorsa volta dissero: " ero venuto    pensando di fare un corso e mi son trovato a sostenere un esame"  probabilmente voi direte che non si erano informati bene, ma secondo la mia opinione, se c'è stato  un simile errore interpretativo, bisogna migliorare la comunicazione.
L'esame a quiz senza dubbio è il miglior modo per essere imparziali, ma secondo il mio parere, sarebbe bene che, prima dell'esame, magari 15 giorni prima, i candidati venissero convocati per spiegare come si svolgerà l'esame, magari fornendo loro un estratto (bastano 10 o 15 quiz) della tipologia dei quiz dell'esame, in modo che ognuno possa valutare in autonomia la propria preparazione. Inoltre è bene precisare che nella prova ci sarà anche un test di armamento di una deriva  con relativa uscita in mare (così magari si portano una muta)
        Benedetto  Carbone
                                                      Caro Benedetto
          innanzi tutto grazie per avere capito che la rubrica " A TU PER TU " non è un momento di
          polemica di problemi futili che qualche socio vuole sollevare ma un momento di dibattito
          anche propositivo dei problemi che sono all'interno della sezione e tra i nostri soci.
          Per entrare nel vivo del problema da te sollevato slle figure di esperto velista e su istruttore
          costiero sai bene che metre per il primo devono essere organizzato appositi corsi ,per il se-
          condo è previsto solo un esame per accertare che quanto si è già dichiarato sulla domanda e cioè :
          "di avere istruito in modo proficuo un adeguato numero di corsi di deriva e/o di avere maturato una
          notevole esperienza di navigazione a vela costiera" si sia  in grado di trasmetterlo agli altri.
          Per quanto mi riguarda ho provveduto ad informare i nostri soci che vogliono sostenere gli esami
           della normativa specifica e su cosa verterà lìesame trasmettendo a loro le norme che ne regolano
           gli esami. Oltre non ho la possibilità di fare in quanto no ho l'elenco dei possibili quiz.
            Però avrei una proposta da fare:
           perchè non ti occupi di "preparare" i nostri 8 allievi ? Io ne sarei felicissimo
                                               Il Presidente
          °°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°        -------------------------------      °°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
Ultimo aggiornamento Martedì 12 Febbraio 2013 21:32

Warning: include(/web/htdocs/www.leganavalepisa.it/home/new/libraries/cms/class.php): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.leganavalepisa.it/home/new/templates/a4joomla-ocean-free/index.php on line 260 Warning: include(/web/htdocs/www.leganavalepisa.it/home/new/libraries/cms/class.php): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.leganavalepisa.it/home/new/templates/a4joomla-ocean-free/index.php on line 260 Warning: include(): Failed opening '/web/htdocs/www.leganavalepisa.it/home/new/libraries/cms/class.php' for inclusion (include_path='.:/php5.3/lib/php/') in /web/htdocs/www.leganavalepisa.it/home/new/templates/a4joomla-ocean-free/index.php on line 260
Joomla templates by a4joomla